Archive for the ‘politica’ Category

Settimana lavorativa di 20 ore

30 June 2012

Bertrand Russell, nel suo saggio “Elogio dell’Ozio”, argomenta che la gente ha bisogno più di tempo libero che di tempo lavorativo (per occuparsi di altre attività quali vita sociale e politica, acculturarsi, lavorare su progetti culturali e artistici, ed anche solo bighellonare un po’) e propone di dimezzare l’attuale settimana lavorativa a 20 ore . Il tema che non tratta è il salario. Ovviamente, una famiglianon può vivere guadagnando la metà: entrambi i partner dovrebbero lavorare, ma molti già lo fanno e lo stesso non arrivano a fine mese. A parte l’assurdità di ciò, la questione dovrebbe essere ottenuta (dopotutto ognuno lo vuole, cercando di ottenere lavori meno faticosi – fin dalla scelta di una gioventù di studi – come segno di status, a parte che per ciò, più che di valore o pura espressione di pigrizia o, di fatto, di apprezzamento della vita sociale e  del lavoro creativo), ma, ovviamente, almeno con la stessa quantità di quella forma di schiavitù sociale chamata “salario”. Nondimeno, a questo punto, si pongono questioni di macroeconomia, legate, di fatto, più al cannibalismo mercantilistico che ad altre questioni. perchè più denaro per i lavoratori significa non solo, ovviamente, più moneta pagata dagli ultra-super-ricchi (or meno ricchi) datori di lavoro (fra l’altro, i salari rappresentano una parte più o meno piccola del budget di un’impresa – circa l’8%): ci sono anche le piccole aziende, e più salari significa, di per sè, una maggiore spinta ad aumentare i prezzi, secondo la nuova disponibilità di denaro, come considerato da Milton Friedman riducendo la formula

[Quantità of moneta] x [Velocità di circolazione della moneta]

=

[Prezzi] x [Quantità di beni venduti]

a M = P x Y (o, meglio, secondo la formulazione della Scuola Economica di Cambridge, k x M [ x V ] = P x Y, dove k è un numero superiore a zero che rappresenta che vanno considerati la porzione o i multipli della moneta in circolazione – risparmio/indebitamento – e non la semplice quantità di moneta) [ci sarebbe un’altra suddivisione in tre mercati di questa relazione circolazione di moneta/prezzi: beni generali, beni di ultralusso e titoli monetari].

*******

Pertanto, se la gente guadagna il doppio rispetto a quanto lavora, i prezzi tendono, più o meno vorticosamente, a raddoppiare, dopo un più o meno lungo periodo di crescita dei prezzi, a parte la frazione di forza lavoro che lungo il percorso è spinta ad aggiungersi a quella già presente nello spazio lasciato vuoto dalla forza lavor già impiegata. Lasciando i salari per ora di lavori immutati, invece, i lavoratori sono privati di metà del loro potere d’acquisto direttamente, invece di dimezzare soltanto le ore di lavoro. Per assestare il quadro macroeconomico passo passo, quindi, con lo stesso salario, Le ore di lavoro devono essere ridotte gradualmente. Esattamente lungo questa prospettiva vanno le proposte di ridurre le settimana lavoativa a 35 ore. Primo passo: 35 ore – appunto. quindi 30  quindi, passo passo, meno ed anche molto meno di 20 ore, per assestamenti susseguenti e graduali. Questa non è la vecchia storia del “+1”: se la questione fosse ben lubrificata, chiederemmosubito la settimana lavorativa di 20 ore, senza lasciarla languire tra i meandri della storia. Il punto è, come scritto sopra, dare tempo al sistema di assestarsi e quiondi procedere ai passi successivi, verso direzioni persino ben oltre un brusco cambiamento del quadro macroeconomico.

Bertrand Russell 1907

English: Portrait of Milton Friedman

English: Portrait of Milton Friedman (Photo credit: Wikipedia)

Advertisements

Retirement system reform

27 June 2012

….work in progress….

Pension

Governance reform workflow

Governance reform workflow version 2

The retirement pension, provided by a public institute, are provided according to the terms below:

  • Age pensions: for women and men since an age correspondent to 10 years less the average life expectancy, however not less than 60 years old, save for jobs damaging body health, or catalogued as “physical” ones, i.e. these ones requiring usually the physical lifting of more than 30 kg or equivalent physical effort decided by a medical committee
  • Contributive pensions: with a number of years of social contributes paid to the institute correspondent to these decurring between the 25th year of age and the obtaining of an age pension.

Pensions are computed on a contribution along years to the public institute basis.

The allowances must not be over a gross amount of $ 10.000 per month, including also the occasional gross income from pension funds.

Increasing of the retirement bill with more time working over age.

Retirement includes:

Since 60 years old is provided a progressive reduction of the 20 work hours per week toward a half of the ordinary work hours per week. The hours less are paid by the institute.

A sabbatical year is provided at 50 of age, paid by the institute and computed among the contributive years for a contributive pension.

For teachers, on request, an extension of the years on work is provided, until a maximum of further 10 years; for professors such extension can be for life.

Related articles

Guy Georges, former General Secretary of the F...

English: Luc Bérille, national secretary (nati...

Thought Reform and the Psychology of Totalism

First page of Reform Act 1832

Retirement of Mark Messier, January 12, 2006

Reform (think tank)

English: Trade unionists and supporters protes...

English: Protestors in Brighton on June 30 ove...

English: NUT ATL UCU PCS strike rally outside ...

An assortment of United States coins, includin...

English: Protestors gather in Sheffield to dem...

English: Teachers at New College Nottingham pr...

English: THE KREMLIN, MOSCOW. At a working mee...

English: June 30 pensions trike marchers in Br...

The Pension Service's logo

Logo of the United States Pension Benefit Guar...

Brief History: Civil War Pensions: The busines...

Pensions protest 2006

House of W. H. Lawson, who worked in the mines...

Old coal miner, 82 years old, who was active i...

W. H. Lawson, now ninety-seven, who worked in ...

English: The pension roll of Yogiraj Lahiree M...

English: I found this too cute to miss, a mome...

English: Pension retirement Français : Brevet ...

English: Protestors at the June 30 pension dem...

Pension

Riforma del sistema pensionistico

27 June 2012

….work in progress….

Pension

Governance reform workflow

Governance reform workflow version 2

Le pensioni,  fornite da un istituto statale, sono previste nei seguenti termini:

  • Pensioni di anzianità: per donne e uomini a partire da un’età corrispondente a 10 anni meno della vita media, comunque non meno di 60 anni, tranne per lavori usuranti, o catalogati come “fisici”, cioè quelli richiedenti abitualmente il sollevamento di più di 30 kg o sforzo fisico equivalente decisi da una commissione medica.
  • Pensioni contributive: con un numero di anni di contributi sociali versatiall’istituto corrispondenti a quelli ecorrenti tra il 25° anno di età e l’ottenimento di una pensione di anzianità.

Le pensioni sono calcolate secondo il metodo contributivo.

Gli assegni non devono superare un ammontare lordo di 8.000 al mese, incluso anche l’eventuale ammontare lordo dei fondi pensione.

Aumento dell’assegno per più tempo di lavoro oltre l’età di pensionamento.

La pensione include:

Dai 60 anni è prevista una riduzione progressiva delle 20 ore lavorative settimanali fino alla metà dell’orario ordinario per settimana. Le ore in meno sono pagate dall’istituto.

Un anno sabbatico è previsto a 50 anni, pagato dall’istituto e calcolato tra gli anni di contributi per una pensione contributiva.

Per gli docenti è disposta su richiesta un’estensione degli anni di lavoro, fino a un massimo di 10 anni ulteriori; per i docenti universitari tale estensione può essere a vita.

Related articles

Guy Georges, former General Secretary of the F...

English: Luc Bérille, national secretary (nati...

Thought Reform and the Psychology of Totalism

First page of Reform Act 1832

Retirement of Mark Messier, January 12, 2006

Reform (think tank)

English: Trade unionists and supporters protes...

English: Protestors in Brighton on June 30 ove...

English: NUT ATL UCU PCS strike rally outside ...

An assortment of United States coins, includin...

English: Protestors gather in Sheffield to dem...

English: Teachers at New College Nottingham pr...

English: THE KREMLIN, MOSCOW. At a working mee...

English: June 30 pensions trike marchers in Br...

The Pension Service's logo

Logo of the United States Pension Benefit Guar...

Logo of the United States Pension Benefit Guaranty Corporation, an independent government agency. (Photo credit: Wikipedia)

Brief History: Civil War Pensions: The busines...

Pensions protest 2006

House of W. H. Lawson, who worked in the mines...

Old coal miner, 82 years old, who was active i...

W. H. Lawson, now ninety-seven, who worked in ...

English: The pension roll of Yogiraj Lahiree M...

English: I found this too cute to miss, a mome...

English: Pension retirement Français : Brevet ...

English: Protestors at the June 30 pension dem...

Pension

Sistema politico per la Libia

2 June 2012

…work in progress…

Qui ci sono alcuni appunti su Assemblea e corpi Costituenti libici, e su argomenti (principalmente circa soltanto questioni genericamente istituzaionali) che l’Assemblea dovrebbe stabilire. La prima parte è stata già fissata dal Consiglio Nazionale di Transizione libico con un assemblea stile Mattarellum.

Le sue linee guida di questo articolo si adattano ovunque e sono una sintesi di un più esteso work in progress che io, e chiunque voglia collaborarvi, sto preparando per la pubblicazione.

Il suo nucleo è un sistema di governo parlamentare (con una Camera essenzialmente proporzionale) e una magistratura autogovernata con un sistema legale “Civil law” con giudici e pubblici ministeri iscritti in una singola carriera di cui essere in grado di scegliere e, in differenti momenti, cambiare funzione.

Altri elementi sono una sorta di Camera dei Lorids britannica e di Bulè, declinate secondo i tempi contemporanei, la prima con procedure per non intasarla e per blindarla sotto molti punti di vista (incluso che la camera non sia obbligatoriamente attiva, ma solo quando riesce a raggiungere un certo numero di membri) – leggi sotto.

Inoltre includere l’art. 11 della Costituzione Italiana e il rifiuto dellaborto; la legge elettorale una legge costituzionele, nel senso legale italiano del termine, essendo una legge basilare del sistema istituzionale; quote nella Camera per donne, giovani e anziani; e altro.

Primo: L’Assemblea Costituente e i Corpi Costituenti

L’Assemblea Costituente dovrebbe essere un’assemblea a proporzionale puro di 50 seggi  eletta da quattordicenni in su (l’età in cui si può iniziare a lavorare) su liste non bloccate, con un 50% di donne e una composizione giovani-non giovani-anziani proporzionale alla popolazione (leggi l’Appendice 2) – comunque non ogni fascia d’età va ripartita alla pari tra uomini e donne ma ogni lista e tutta l’Assemblea per intero – ricoperta per i giovani da candidatidati fra i 18 e i 22 anni (una fascia di 5 anni a partire dalla maggiore età) e per gli anziani da 56-60enni (nessuna candidatura a cariche elettive essendo possibile oltre i 60 anni), su un singlo distretto nazionale con un mandato di 5 anni dopo il quale eleggere una nuova Assemblea se essa non raggiunge una risoluzione conclusiva.

L’Asssemblea dovrebbe anche eleggere un Presidente Costituente – dopo aver stabilito una durata della carica più lunga di 5 anni – con una maggioranza qualificata di 2/3, noon rieleggibile, e nominare un governo in un sistema parlamentare di governo.

I votanti dovrebbero essere in grado di indicare un massimo di tre candidati (almeno maggiorenni) della lista scelta, se più di uno, almeno uno di sesso differente.

La risoluzione conclusiva dell’Assemblea dovrebbe essere approvata da un referendum confermativo. Se non appropvata, l’Assemblea rimane in carica per stabilire questioni governative finchè una nuova Assemblea non viene subito eletta, terminati o no i suoi 5 anni di mandato.

Secondo: La Costituzione dovrebbe stabilire:

  • un processo rigido per essere cambiata (come quello italiano) dal parlamento ordinario E la possibilità di eleggere un’Assemblea allo scopo identica a quella Costituente, le cui candidature non siano compatibili con altre alte cariche, con un mandato di 5 anni, da rieleggere se non raggiunge durante il suo mandato una risoluzione conclusive da approvare, in conclusione con un referendum confermativo (leggi l’Appendice 3).
  • un sistema parlamentare di governo con un parlamento tricamerale: una camera con 50 deputati almeno maggiorenni, non eleggibili per pi di tre mandati consecutivi completi o no ed una composizione come quella dell’Assemblea Costituente, con un mandato di 10 anni, eletta su un singolo distretto elettorale nazionale con un premio di maggioranza del 55% su coalizioni preliminari di liste non bloccate, ed un sistema di voto identico a quello dell’Assemblea Costituente, e per cui poter votare anche solo la coalizione; una camera, con il solo potere di emendare le leggi dibattute dalla camera dei deputati, eletta un membro alla volta a vita con almeno una maggioranza qualificata dei 2/3 dalla camera dei deputati (leggi l’appendice 1) E Presidenti Emeriti della Libia; una camera di 50 membri con un mandato di 2 anni sorteggiata da una singola lista nazionale di facenti domanda, con il potere di bocciare a 2/3 le leggi eleborate dalle altre due camere, eccetto alcuni tipi di esse, quelli non sottoponibili a referendum abrogativo, senza emendarle, appena esse le approvano. La legge elettorale per la camera dei deputati è costituzionale, Nel senso legale italiano del termine. nessuna candidatura per queste o per altre cariche è possibile oltre i 55 anni, inclusa la camera sorteggiata. Ogni membro delle camere ha le medesime prerogative di proporre leggi e emendamenti e di immunità.
  • solo la camera dei deputati vota la sfiducia al governo.
  • tutte in singola assemblea, le tre camere eleggono, per un mandato più lungo di quello della camera dei deputati cessante comnque a 70 anni, due Presidenti della Libia, uno donna e uno uomo, sotto i 56 anni, che agiscano entrambi collegialmente (se due Presidenti non sono in carica, come Presidente agiscono o il Presidente della camera eletta dalla camera dei deputati o il Presidente della camera dei deputati – leggi l’Appendice 1), ma con diffenrenti periodi di mandato, ognuno con una maggioranza qualificata di 2/3; se l’elezione di uno dei Presidenti capita durante l’elezione dell’altro, quel Presidente riceve un mandato della durata di metà, per mantenere sfalsati i due mandati.
  • Un Consiglio Superiore della Magistratura, di non più di 50 memebri, per l’autogoverno della Magistratura, eletto a proporzionale puro da tutti i magistrati su liste non bloccate su singolo distretto nazionale.
  • Un sistema legale “Civil Law”, con codici da elaborare subito dalle camere.
  • Giudice-Pubblico Ministero entrambi due non ditinte funzioni della magistratura, rispondenti all Consiglio superiore della Magistratura, in grado in differenti momenti di scegliere quale funzione ricoprire. Oblligatorietà dell’azione penale.
  • Una Corte Suprema nominata per 2/5 collegialmente dai Presidenti della Libia, 2/5 dal Consiglio superiore della Magistratura, 1/5 dalla camera eletta dalla camera dei deputati, con l’obbiettivo di vigilare sulla costituzionalità delle leggi e delle disposizioni delle amministrazioni centrale e locale e della magistratura, componendo i conflitti fra corpi dello stato e disponendo dell’iimunità per i membri delle camere.
  • incompatibilità fra le più alte cariche dello stato, eccetto tra deputati e cariche direttive di governo (premier, vicepremier, ministri, viceministri, sottosegretari).
  • distretti amministrativi – comprendenti al grado base non meno di 50 mila abitanti e non più di, 200 mila abitanti, tranne le aree metropolitane in un singolo distretto ciascuna, (aree da ridefinire ad ogni censimento se la popolazione diminuisce o eccede l’intervallo 50-200 mila abitanti o con modifiche delle aree metropolitane) – organi politici identici a quelli delle province Italiane, con il consiglio elettivo (di non più di 50 memebri – i votanti possono indicare una doppia candidatura prendendo due candidati dalla lista scelta, uno donna e uno uomo) – e liste candidate ad esso con ripartizione e nomina analoghe a quelle della camera dei deputati – quote donne/uomini e giovani/non giovani/anziani (proporzionalwe alla composizione per fasce d’età del distretto – leggi anche l’Appendice 2), 2/3 premio di maggioranza. Essi possono federarsi tra di loro e in più di una federazione, lo stesso per le federazioni, con organi di direione politica eletti e nominati allo stesso modo di quelli base.
  • autonomia amministrativa incrementata per Berberi, Neri, Tuareg, ecc.
  • un sistema di referendum abrogativi.
  • un sistema di finanziamento dei partiti identico a quello tedesco.
  • Presidenza della camera dei deputati e delle commissioni ai partiti senza premio di maggioranza.
  • Art. 11 della Costituzione Italiana; rifiuto dell’aborto; Art. 18 dello Statuto dei Lavoratori italiano e procedure di CCNL simili a quelle italiane.
  • Presidenti della Libia in carica collegialmente comandanti in capo delle Forze Armate.
  • servizi segreti gestiti e rispondenti a una commissione della camera dei depoutati con qualche membro della camera eletta dalla camera dei deputati, la cui partecipazione non è compatibile con l’ufficio di presidenza della propria camera, eventualmente altre commissioni, e cariche direttive di governo (premier, vicepremier, ministro, viceministro, sottosegretario).

Appendix

  1. Candidature alla camera eletta dalla camera dei deputati vengon presentate alla stessa maniera delle proposte di legge e non durante i sei mesi prima della votazione; la votazione dovrebbe trovarsi non più spesso di ogni due anni, e la settimana prima della votazione ogni candidato dovrebbe essere in grado di declinare la candidatura. Ogni candidato dovrebbe essere votato e passare quello con più voti ma almeno una maggioranza qualificata di 2/3; se c’è parità, il più anziano prende la carica. I candidati che non passano, anche se nessun candidato passa, non possono essere candidati di nuovo prima di 10 anni. la camera eletta dalla camera dei deputati è in efficacia quando raggiunge almeno 15 membri; i membri tengono la carica, con i relativi appannaggi e iogni prerogativa di un membro del parlamento, il diritto di votare i Presidenti della Libia e le restrizioni ad assumere altre cariche, anche se altrimenti la carica è inefficace.
  2. per la camera di deputati, le assemblee per modificare la costituzione eventualmente indette e le liste di candidati ad esse, le fasce d’età giovani/non giovani/anziani sono ripartite così: giovani sono coloro dalla nascita al quinto anno oltre la maggiore età; anziani coloro oltre i 56 anni (leggi anche la sezione Prima); non giovani coloro fra queste due soglie.
  3. Dopo un rapido ma accurato esame da parte dei Presidenti della Libia dopo il quale essi possono rimandare alle assemblee una sola volta il testo, la risoluzione conclusiva di una serie di assemblee per la costituzione – come nel punto delineato più sopra – passa direttamente ad essere votato dall’assemblea sorteggiata, senza che essa lo emendi, e se lo respinge, non c’è referendum confermativo, trovandosi comunque terminato il lavoro della serie di assemblee per la costituzione.

Una regolamentazione per la produzione di biocombustibile

3 July 2011

I punti di forza del biocombustibile sono numerosi.

Non solo inquina meno, ma è una forma di carburante rinnovabile, derivando dalle biomasse.

Tuttavia ne va regolamentata, quando prodotta da piante coltivabili,  la coltivazione di queste, così come la produzione e il commercio dello stesso.

Banda militare o paramilitare: il governo depenalizza

23 December 2010

La depenalizzazione del reato di banda militare o paramilitare, detto anche Lodo Calderoli perchè è stato il veto di Calderoli alla sua eliminazione dal decreto, in cui a tutt’oggi non si sa come sia entrata, della norma che la istituisce a tenerla in esso, è un attentato alla sovranità dello Stato.

Solo lo Stato ha il diritto (e il dovere) di istituire strutture militari, le sue, sul suo territorio. Invito il Presidente della Repubblica a indicare la questione al Governo, prima di firmare la reiterazione del decreto.

Aldo Forbice e gli “allocchi che danno retta a Grillo”

10 December 2008

comunismo = disvalore ?

17 November 2008

Da tanti anni sento il comunismo considerato un disvalore.

Come se lo stalinismo (la statalizzazione sotto la dittatura del partito unico autoreferenziale del leader – vi ricorda qualcosa?) lo fosse, non la proprietà autorganizzata dei lavoratori servi della gleba zaristi attraverso un insieme pluristratificato di soviet (assemblee – spero di tornare in seguito su questo).
Come se il comunismo italiano non fosse quello espresso da Enrico Berlinguer, ma da quello degli assassini delle Brigate Rosse. O da quello di qualche dittatore asiatico. Noi crediamo nella democrazia, almeno essa è, nel bene e nel male e con tutte le possibili manipolazioni da parte dei media, autodeterminazione del popolo e e il più efficace mezzo per giudicare da noi (come gruppo) i governi, qualsiasi essi siano.

La corsa al denaro: corsa al potere militare. Perchè chi ha gli apparati industriali più poderosi ha tecnologie militari più efficienti. Ecco su cosa si basa il ‘successo’ del libero mercato, del prosciugare le possibilità altrui di sostentarsi col proprio lavoro, della corsa a mangiarsi il pianeta.

Si può essere d’accordo con tutto questo, in tanti lo sono. E’ possibile non accorgersene, in tanti lo fanno o vogliono fingerlo.

Ma un SANO comunismo è una distribuzione della ricchezza giusta, su questo si deve discutere (senza per esempio la mortificazione del merito), distribuzione giusta che non include certo il comprarsi con i soldi la vita altrui, o no?